Logo de Iustel
 
 
DIRECTOR
Antonio Fernández de Buján
Catedrático de Derecho Romano de la Universidad Autónoma de Madrid


Menú de la revista

Conexión a la revista

 

La praevaricatio e la sua repressione dinanzi alle quaestiones perpetuae. (RI §412165)  

- Salvatore Antonio Cristaldi

Tra i crimina contro l'amministrazione della giustizia la praevaricatio è quello meno noto. L'esame delle più antiche fonti epigrafiche ha mostrato che essa può considerarsi come "la figlia necessaria" di un sistema accusatorio che si fonda sulla legittimazione diffusa, rappresentandone il suo pendant di garanzia e di corretto funzionamento. Dalle stesse, come pure dalle fonti letterarie e giuridiche, è emerso che, almeno per l'età repubblicana, la praevaricatio non dà luogo ad un iudicium publicum e che per essa non era prevista alcuna specifica pena.

1. Premessa. – 2. La fattispecie. – 3. Natura e ratio del iudicium praevaricationis: a) Le prime testimonianze epigrafiche; b) Le altre fonti giuridiche. – 4 Iudicium praevaricationis e iudicium publicum. – 5. Il procedimento. Considerazioni generali. – 6. Di due processi in tema di praevaricatio in Cicerone. – 7. La disciplina sanzionatoria e il SC. Turpilliano. – 8. Conclusioni.

Palabras clave: praevaricatio; quaestiones; crimen; iudicium publicum; infamia;

Among the crimes against the administration of justice praevaricatio is the least known. A thorough survey of the most ancient epigraphic sources highlights the circumstance that it is "the daughter needed" of the adversarial system, based on the legitimacy of everyone to sue and represents the other side of the coin of this latter, since it strengthens its warranties and operation. Epigraphic, literary and legal sources show that, at least for the Republican age, praevaricatio can not be considered a iudicium publicum and that it is not sanctioned with a specific penalty.

Documento disponible para usuarios registrados.

Para consultar gratuitamente este artículo primero deberá registrarse como usuario.

 
 
 

© PORTALDERECHO 2001-2017

Icono de conformidad con el Nivel Doble-A, de las Directrices de Accesibilidad para el Contenido Web 1.0 del W3C-WAI: abre una nueva ventana